Archivio di giugno 2012

“Rosso o bianco?”… E se fosse rosato?

lunedì, 25 giugno 2012

“Rosso o bianco?”. È la domanda solitamente posta alla richiesta generica di un bicchiere di vino. Esiste però un’ulteriore possibilità: il rosato, un prodotto che sta conquistando sempre più consensi. Ottenuto esclusivamente da uve a bacca rossa vinificate “in bianco” e non, come a volte erroneamente creduto, dal miscelare bianco e rosso – operazione vietata dalla legislazione italiana – fino a poco tempo fa il rosato era un po’ la “Cenerentola” dei vini, snobbato dalla maggioranza. Oggi invece sembra avviato a una sorta di Rinascimento, grazie anche alla sua riconosciuta versatilità: perfetto sia come aperitivo che come vino da tutto pasto. Ed è proprio al vino rosato che l’Enoteca Italiana, promotore del progetto Vino e Giovani, dedicherà “Bianco Rosso e Rosé”, una quattro giorni di degustazioni e approfondimenti diversi in programma dal 30 giugno al 3 luglio prossimi presso la Fortezza Medicea di Siena: un’occasione speciale quindi per conoscere questi vini e i modi per gustarli al meglio. E voi con il rosato?

Rock, jazz o classico: come “suona” il vino?

lunedì, 18 giugno 2012

Mancano ormai pochi giorni al Solstizio d’estate e con l’arrivo del caldo cresce la voglia di stare all’aperto. Fioriscono nelle grandi città come nei piccoli borghi iniziative e festival di cui spesso è protagonista la musica, linguaggio universale capace di legare tra sé generazioni molto diverse con le note di una stessa canzone. Proprio per questo suo saper parlare a tutti, e in particolar modo ai ragazzi, la musica si è legata a doppio filo al progetto “Vino e giovani” fin dal suo inizio. Ci hanno fatto compagnia tanti testimonial del mondo musicale: Edoardo Bennato e Mario Venuti protagonisti di applauditissimi concerti, fino a Gianna Nannini nella sua veste di produttrice. Tante sfumature di sapore diverse per il vino, tanti stili musicali: per voi come “suona”? È più rock, jazz o classico? C’è una canzone particolare dedicata o che parla del vino a cui siete legati?

La scoperta del vino: la “prima volta” non si scorda mai?

martedì, 12 giugno 2012

In Italia il vino è un elemento culturale del nostro vissuto quotidiano. Di solito la sua scoperta avviene in famiglia, attraverso oggetti, gesti o momenti che fanno parte dell’intimità domestica, oppure grazie a un familiare che ci accompagna nel conoscere questo mondo ricco di sapori, profumi e storie. È questo il caso narrato dal libro di Christoph Baker “Il vino spiegato ai miei figli”, in cui l’autore racconta come abbia guidato i propri figli alla scoperta delle vigne e del vino, in un percorso fatto di rispetto verso la natura e il lavoro degli uomini, il piacere, la riscoperta della sfera sensoriale e delle tradizioni.
E voi come avete scoperto il vino? Qual è stato il vostro primo approccio a questo mondo?

Enoteche, supermercati, aziende: dove comprate il vino?

lunedì, 4 giugno 2012

Nel nostro questionario mirato a “tastare il polso” al rapporto tra il vino e le nuove generazioni (che trovate pronto per essere compilato cliccando qui) vi chiediamo, tra l’altro, dove e con quale frequenza acquistate il vino.
Due recenti indagini commissionate da Veronafiere fanno emergere che in Italia il luogo di acquisto privilegiato è il supermercato, sia per i prezzi più contenuti che per l’ampiezza dell’assortimento. Alla grande distribuzione però viene chiesta maggiore informazione e cultura del vino. Inoltre, complice la crisi, crescono le vendite delle fasce di basso prezzo per il consumo quotidiano “da pasto”, ma aumentano anche quelle di vini DOC e DOCG per regali o cene con ospiti.
E voi come vi comportate? Dove comprate il vino? Come lo scegliete?